http://rower.uniwersytetradom.pl
Polish

  Articles » LA GRANDE PEDALATA DEL   
 
Proverbs 5:6 Lest thou shouldest ponder the path of life, her ways are moveable, that thou canst not know them.

LA GRANDE PEDALATA DEL

  THE GREAT MILLENNIUM PEACE RIDE - LA GRANDE PEDALATA DEL MILLENNIO

E' iniziata a Seattle (USA), il 6 agosto 1998, il 53° anniversario dell'evento di Hiroshima. Per celebrare il nuovo millennio e attirare l'attenzione della gente sul bisogno di vivere in pace e in armonia con la natura, un gruppo internazionale di ciclisti ha deciso di attraversare i quattro continenti in 513 giorni e di arrivare il primo gennaio del 2000 a Hiroshima in Giappone. 

L'idea della pedalata per la pace è nata ad Atene in Grecia. L'intenzione iniziale era di selezionare 500 ciclisti rappresentanti la maggioranza dei paesi del mondo e di fare un mini globo. Si era anche convenuto che i mass media e la televisione avrebbero regolarmente fornito resoconti sull'evento. 
Tuttavia gli organizzatori non riuscirono a raccogliere tale gruppo, né ricevettero un rilevante finanziamento. A quel punto il team lituano sorpassò l'organizzazione e decise di cambiare la gestione. L'evento divenne aperto a chiunque fosse in grado di pagare da sé il costo per il proprio sostentamento. 
Il team lituano ebbe anche l'idea di portare con se un rotolo di stoffa lungo 40 m e alto 30 cm, un mega striscione della pace rappresentante simbolicamente la distanza intorno al mondo, sul quale il presidente della Lituania pose per primo una firma - "portate i saluti del popolo lituano al popolo di tutto il mondo". 
Il percorso della pedalata attraversò i seguenti 45 paesi dell'America, Africa, Europa ed Asia: -USA, Messico, Guatemala, El Salvador, Honduras, Nicaragua, Costa Rica, Panama, Colombia, Equador, Perù, Cile, Argentina, Gana, Costa D'Avorio, Guinea, Senegal, Mauritania, Marocco, Spagna, Francia, Belgio, Olanda, Germania, Polonia, Russia, Lituania, Bielorussia, Ucraina, Romania, Bulgaria, Yugoslavia, Macedonia, Grecia, Israele, Giordania, Siria, Turchia, Iran, Pakistan, India, Mianmar, Laos, Cina, Giappone. 
Lungo la loro via i pedalatori incontrarono molte barriere burocratiche, problemi di visto e permessi vari da ottenere. Dovettero fronteggiare anche ostacoli naturali - deserti, montagne, la giungla, pesanti stagioni delle piogge, e tempeste di sabbia. Per miracolo scamparono l'uragano "Mitch" in centro America e i terremoti in Colombia e in Cina che vennero appena essi avevano lasciato questi paesi. Edvardas Žižys fu operato in Guatemala per urgenti problemi all'occhio destro, ma egli continuò appena dopo, mentre in Argentina un'auto travolse tre dei pedalatori; essi furono immediatamente ospitalizzati e poterono continuare più tardi. In Africa quattro di essi ebbero un severo attacco di malaria. Tuttavia l'incidente più doloroso avvenne in India: Walter Ramon, pedalatore peruviano - il cuore e l'anima del gruppo- venne a mancare nelle più inaspettate e tragiche circostanze. 
La composizione del gruppo è cambiata durante tutto il tempo. Alcuni di paesi come il Messico, Perù, Polonia, Lituania e Giappone hanno fornito il maggior numero di partecipanti. A questo fine, i governi e i media di tali paesi hanno dato un'eccezionale attenzione con segnalazioni  in giornali, riviste, radio e televisioni. 
Dieci dei pedalatori partirono da Seattle, cinque di essi riuscirono nell'attraversare l'Africa e con differenti partecipanti, in Giappone diventarono nuovamente dieci. Durante un anno e mezzo considerando anche i pedalatori di tratti limitati, la "Peace Ride" ricevette il contributo di più di 600 partecipanti, più del gruppo di 500 previsto inizialmente. I seguenti quattro riuscirono a fare tutta la pedalata: Goda Ciplytè, Edvardas Žižys, Sigitas Cucas e Slawomir Platek. 

L'idea della Peace Ride non era solo la promozione della pace, ma anche la promozione del ruolo dei moderni mezzi di comunicazione per sostenere la democrazia e il dialogo tra le culture della comunità globale. Per facilitare la comunicazione del gruppo col mondo l'azienda Lituana "Ars Computandi" sponsorizzò un computer portatile "Dell Latitude", mentre la compagnia francese di progettazione Web "La Generale Multimedia Sud" e "Linkarta", una compagnia lituana, posero informazioni e foto sui siti internet (www.peaceride.org e www.gmpr.lt ). 

Oggi è ancora difficile valutare l'importanza del progetto, comunque è stato il primo viaggio in bicicletta di lunga distanza realmente intercontinentale. L'azione simbolica dell'attraversare culture diverse aggiungendo di volta in volta una firma sullo striscione ha cercato di provare che la coesistenza pacifica nel nuovo millennio è possibile. è stata una pedalata ardua, dolorosa, ma molto significativa. In un anno e mezzo i pedalatori hanno attraversato 24239 km, e avuto tanti bei momenti da condividere oltre che una migliore conoscenza personale del mondo.

 
28-01-2021 07:03:46
By bicycle around the World

Powered by pr.radom.pl Etomite